Con Donatella Pavan – Presidente di Giacimenti Urbani

A Milano, dal primo novembre abbiamo a disposizione qualcosa di eccezionale.

Un’intera città, più di un milione di metri quadrati di edificato, costruito, vissuto, dovranno essere dismessi, demoliti, convertiti.


Quando le cose sono semplici, lineari, trasparenti, le può capire anche un bambino di sei anni.

E allora perchè non riesco  a capire l’utilità, la logica, la linearità delle Primarie Milanesi?

Soprattutto perchè mi sembra un operazione opaca, contorta e oscura?


Vi ricordate? Troisi e Benigni ( quando non era ancora uno stucchevole premio Oscar) dovevano pagare un fiorino ad ogni attraversamento di un artificiale confine.

Il sogno di ogni italiano . Poter dominare  un territorio, essere sovrani anche di un fazzoletto di terra, padroni esclusivo di un quadrato di mondo. Tutto nostro.