Keep Calm and call an architect. A friend of mine would be better.


Una città è il risultato della somma di un continuo di interventi, per la maggior parte “minori” e di piccola entità.

L’architettura di una città, per dirla con Brunelleschi ” è un arte collettiva , non prodotta da pochi intellettuali o specialisti ma dall’attività spontanea e ininterrotta di un intero popolo”.

10394828_592439764222081_5716095421073389055_n
Un’attività che non può essere imbrigliata nella presunta creatività del singolo, dell’Archistar di turno, nella presunzione demiurga del progettista.
Ma che, a maggior ragione,  non può neanche essere omogeneizzata dalle decisioni di una Commissione del Paesaggio che è a tutti gli effetti un organo di censura della creatività e della liberta di espressione.
Un organismo che è il demiurgo dei demiurghi.
Omegeneizzazione ben più evidente, e pericolosa,  se tra i suoi componenti ci sono architetti che lavorano insieme nel medesimo studio o sono anche componenti del medesimo consiglio Consiglio Dell’Ordine.
Un architettura organica al medesimo circolo, ai medesimi amici

Gli stessi che ci invitano a Restare Calmi e a scegliere un Architetto.

Meglio se uno di loro.

Annunci